Blog Article

Una giusta causa [FILM]

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ruth Bader Ginsburg, una delle nove donne che nel 1956 viene accettata al corso di legge dell'Università di Harvard e che, nonostante il suo talento, viene rifiutata da tutti gli studi legali solo perchè donna. Sostenuta dall'avvocato progressista Dorothy Kenyon, accetta un controverso caso di discriminazione di genere. Contro il parere di tutti, Ruth vince il il processo che determina un precedente nella storia legale statunitense. Un tributo a una delle figure più influenti del nostro tempo, seconda donna a essere nominata Giudice alla Corte Costituzionale; un tributo a tutte le donne, un invito a non farsi sopraffare da una cultura maschilista.

La parola donna non appare una sola volta nella costituzione degli Stati Uniti!
Nemmeno la parola libertà!

 

Ragazzi, ma di cosa vogliamo parlare? 

Questo film andrebbe fatto vedere ovunque, soprattutto nelle scuole, perchè così i giovani potranno rendersi conto che le cose non sono poi tanto cambiate, e che l'indignazione che quasi sicuramente proveranno durante la visione del film, andrebbe usata anche fuori. 

5c9dd80590ba4

Ruth Bader Ginsburg è una delle prime donne che viene accettata ad Harvard per diventare Avvocato. In un settore fortemente maschilista, dovrà sempre lottare per ottenere ciò che desidera ma non sarà semplice, e sarà costretta a prendere delle decisioni importanti che per una donna pesano il doppio. 

Costretta poi ad accettare un compromesso lavorativo, perchè nessuno studio è disposto ad assumerla, dovrà piegarsi e imparare a far pace con le priorità di un mondo che ancora non è capace di accettarla. 

Non tutto però sembra perduto, dopo anni di rinunce, il tempo del riscatto sembrerebbe arrivato.

 

Disquisire di una Biografia è un pò sciocco, perchè parliamo di fatti realmente accaduti anche se magari, un pò romanzati.

Quindi, con che coraggio posso dire che io, magari, avrei agito in maniera differente? Che magari, una delle decisioni di Ruth sembra inventata?

Non lo farò, però posso dirvi che mi sono sentita partecipe alla sua storia, che mi sono incazzata come una iena ogni volta che la rifiutavano o quando facevano battute sessiste non per ridere insieme ma per deriderla.

Posso dirvi che ho un pò invidiato l'attrice, perchè Armie Hammer è tanta roba, e vestito di tutto punto è tremendamente spaziale. 

Posso dirvi che mi sono un pò commossa anche per la doppia discriminazione, ovvero quella che un Uomo non può fare le cose che solitamente farebbe una donna. Perchè la mancanza di diritti era (ed è) doppia, non erano solo le donne a dover stare "al loro posto", ma anche gli uomini non potevano aver certi diritti e vedere com'è andata a finire, con una causa di quel genere, mi ha sollevata e schiacciata allo stesso tempo. 

articolo 84909

Sono quindi fiera di aver visto questo film, anche perchè il cast è stato veramente ottimo!

Mi hanno detto che le donne sono troppo emotive per fare gli avvocati!

 

Una giusta causa 2
Tags:

Search

Latest News

Unisciti alla Newsletter

Don't worry we hate spam!

Iscriviti

I agree with the Privacy policy

Search