Blog Article

Captive state [FILM]

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 Ambientato a Chicago dieci anni dopo un'invasione extra terreste, quando il mondo è governato dagli alieni. Gli umani si dividono in due fazioni, coloro che accettano il nuovo governo e coloro che invece si oppongono dando vita alla Ribellione.

 Anno 2019, gli extraterrestri si stanno impossessando di Chicago e non risparmiano tutti quelli che cercano di scappare. La famiglia di Gabriel cerca di scappare ma viene giustiziata. Rimangono in vita lui e suo fratello Rafe. 

Otto anni dopo, la dittatura dei "legislatori" vive sul precario equilibrio tra accettazione e ribellione. 

Il comandante della polizia William Mulligan crede che un gruppo di resistenza, Phoenix, sia ancora a piede libero, anche se teoricamente, dovrebbe esser stato scoperto e smantellato. L'uomo contatta Gabriel per avere informazioni, visto che il fratello Rafe faceva parte della cricca, ma il giovane non sa nulla e poi, odia gli sbirri. 

Il ragazzo sfortunatamente, anche se vorrebbe solo scappare da un posto di sfruttamento, finisce con avere realmente contatti con l'organizzazione e ritrova il fratello. La rimpatriata però non va a buon fine, perchè si viene a scoprire che Phoenix è ancora attiva e che a breve partirà all'attacco verso gli extraterrestri. 

Il piano sembra andare a buon fine, ma è solo apparenza. I "cacciatori" dei  legislatori trovano parte dei colpevoli e così, inizia l'interrogatorio ma sarà Gabriel, convinto di salvare il fratello a portare il messaggio al Capo banda. 

Mulligan scoprirà finalmente i traditori e smantellerà la resistenza, ottenendo così un temporaneo ruolo privilegiato agli occhi dei legislatori. 

Gabriel dovrà salutare nuovamente il fratello, questa volta per sempre, ricevendo in cambio però una scheda di memoria di un vecchio telefono, che contiene un vecchio filmato della sua famiglia e di alcuni amici. Forse, Phoenix non è morta del tutto.

captive state trailer gq 1

Questo è uno di quei film che capisci solo alla fine, anche se io ho dovuto far passare un pò più di tempo per far sedimentare le idee. 

Sarà che l'ho visto in inglese e io non lo parlo/leggo, sarà che ci sono molte scene in movimento e questo rende tutto più "nauseante", sarà quel che sarà ma non è stato lampante. 

Scene veramente spaziali, coinvolgimento ben ricercato ma boh. 

Ok, il "boh" non vuol dire assolutamente nulla, però è la cosa migliore per descrivere l'iniziale stordimento e il successivo momento di complottismo. 

A mente fredda, non posso dire di aver capito dove volessero andare a parare, sapevo in fondo come sarebbe finito ma ho apprezzato i tentativi di sviarci, anche la quantità di ansia che ho provato (oltre alla nausea). Non ho empatizzato molto con i personaggi, anche se ci sono momenti dolci o di estrema ansia. Non lo vedo però come un punto negativo, ho comunque apprezzato la visione nell'insieme e probabilmente, essendo concentrata su altro, ci ho fatto caso solo in un secndo momento. 

 

Captive State

Search

Latest News

Search