Blog Article

Una vecchia scatola di bottoni

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

La mia prima recensione è datata 3 novembre 2011.
Questo vuol dire che quest’anno saranno ben nove anni di servizio più o meno continuativo.
Fa strano? Fa strano.
Da quel giorno, ad oggi, ho letto tanto ma ricordo meno della metà di quei libri.
Guardo alcune copertine e mi assale il dubbio “Ma ti ho veramente letto? Quando? Boh”. Più di quattrocento libri più o meno spariti dalla memoria e dalla libreria, senza lasciar traccia emotiva.

 

Nel periodo di passaggio passaggio dal Blog al Sito, volevo principalmente abbandonare una serie di catene che nel tempo mi avevano appesantito, riducendo drasticamente anche la mia presenza sui vari portali, nella speranza di ritornare a leggere con la stessa passione dell’inizio. (spoiler - non ha funzionato)
Non mi sono però posta il problema di cosa lasciavo indietro, non ho pensato all’eco di tutto il resto e qualche giorno fa, quando mi sono svegliata, ho sentito un prurito in fondo al cervello.
C’era un pensiero che non riuscivo ad afferrare, ma che non voleva andar via.
Ho in casa una grande libreria che risistemo quasi una volta all’anno, ho l’abitudine di segnare su un quaderno i libri che finisco suddivisi anno per anno, ma non ho memoria.
Saranno i primi segni di cedimento dei trent’anni? Non credo, ancora mi vergogno per la figuraccia fatta in terza superiore, quindi le cose “importanti” ci sono, ma allora cos’è successo?

96082849 1177503945928114 9213083833539231744 n

Sono andata a sfogliare la categoria delle recensioni del Blog (si, è ancora online in memoria dei vecchi tempi e anche un pò per vanità) e ho rivisto titoli dimenticati.
Come qualcuno saprà, non ho l’abitudine di rileggere vecchi libri (amati e non) e le ragioni sono tante ma, scoprendo questi buchi, mi sono chiesta “cos’altro ho perso?”. Vi capita mai? Io ho spesso questa sensazione di perdere dei pezzi e credevo (speravo) di poterla contrastare con la scrittura. Lasciare un segno “tangibile”, non dovrebbe aiutare a fissare dei ricordi? No.
O almeno, si ma non del tutto, e in gioco ci sono mille sfumature.
Quanto ho letto seriamente questi libri? A quanti di loro ho dedicato il giusto tempo? Quante sono le storie che ho scelto di leggere nel momento sbagliato?
Tante, troppe domande.
Cosa si fa in questi casi? Si cancella tutto e si ricomincia? Si fanno nuovamente dei buoni propositi con nuovi impegni? Si scrive di più? Si scrive in modo diverso?
Nessuna risposta.
Sono giorni che la mia mente vaga nel silenzio della mia macchina.
Questo Covid mi ha imposto una nuova routine lavorativa e ormai, mi sposto da sola e in macchina. Per fortuna, non ho problemi a stare sola ma il silenzio, mi obbliga ad ascoltare tutti gli echi che porto dentro.
Alla fine ho scelto una strada, sicuramente non quella perfetta ma al momento, quella che sembra più giusta. 

 

Ci sono vecchie recensioni che non vengono più lette, o rispetto alle novità attuali, vengono prettamente risucchiate in un buco nero e spesso dimenticate. Eppure, quei libri magari un pò scialbi, hanno lasciato dentro di me un coriandolo di emozione che ancora oggi, non vuole volare via.
Ecco, a loro vorrei dare una seconda possibilità, senza però toccare l’anima. Vorrei riproporre questi Old Books, con la speranza di riaccendere anche in voi vecchi ricordi.
Mi piacerebbe insomma omaggiarli nuovamente, per quello che sono riusciti a darmi un tempo visto che alla fine, il mio compito è anche questo.
Nulla dovrebbe esser considerato Vecchio. 

96232502 1184954468517965 2761861221996036096 n

 

Per i libri che invece ho dimenticato in tutto e per tutto, per quelli che ho valutato negativamente, per quelli che hanno una recensione/un pensiero stringato… beh, per loro farò un post a parte.
In un modo o nell’altro, vorrei ricordare anche loro e ho già in mente un modo molto tranquillo per farlo.

Tags:

Search

Latest News

Unisciti alla Newsletter

Don't worry we hate spam!

Iscriviti

I agree with the Privacy policy

Search