Blog Article

Ho sposato un maschilista [ANTEPRIMA]

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Ho sposato un maschilista di Joanne Bonny

 

 

 

 

Titolo: Ho sposato un maschilista 
Autore: Joanne Bonny 
Pagine: 512 
Prezzo: € 10 
Uscita: 03 Gennaio 2019 
Genere: Contemporaneo
Casa Editrice: Newton Compton

Dopo essersi vista negare ingiustamente la meritata promozione, la giornalista Emma Fontana decide di fondare una rivista per donne, «Revolution». Ma proprio quando sta per essere eletta femminista dell’anno, Emma scopre che i suoi migliori amici l’hanno iscritta al reality show Chi vuol sposare un milionario? Per dieci giorni il giovane e ricchissimo Marco Bernardi ospiterà venti ragazze nella sua villa e sceglierà tra loro la sua fidanzata. All’inizio Emma è furiosa solo all’idea di dover competere per sedurre un maschilista fatto e finito, e parte per Como con l’obiettivo di approfittare della ghiotta occasione per screditare lo show. La sua missione si rivela però più ardua del previsto, a causa delle prove imbarazzanti, dell’atteggiamento sessista di Marco e delle concorrenti pronte a tutto pur di diventare la futura signora Bernardi. A complicare le cose ci si mette anche il fratello maggiore di Marco, Leonardo, tanto affascinante quanto sospettoso delle reali intenzioni di Emma. Mentre i suoi sentimenti nei confronti dei fratelli Bernardi si fanno ogni giorno più intricati, Emma si troverà a mettere in discussione certezze e pregiudizi: e se in fondo fosse lei stessa la sua avversaria più pericolosa?

Scarabocchio:  Nel corso degli anni, ho allargato i miei orizzonti in fatto di letture, ma alcune categorie faccio ancora fatica a sceglierle di mia spontanea volontà. 

Siamo però in tema di feste e buoni propositi, quindi ho pensato che Ho sposato un maschilista potesse essere una lettura top. Più che altro, mi sono lasciata convincere dal fatto che Emma, la protagonista, sia una femminista convinta. Volevo prendere una boccata d'aria fresca senza però eliminare quella parte amorosa che rende tutto sempre molto magico. 

 

Il termine signorina è uno stupido retaggio della società patriarcale, che serve solo a catalogare la donna in base alla sua appartenenza o meno a un uomo.

Emma Fontana, dopo essersi vista soffiare la promozione dal collega uomo nullafacente, decide di scatenare una rivoluzione e così fonda Revolution, una rivista di sole donne (più uno). A quel punto della sua vita, le cose sembrano andar a gonfie vele e poco importa se la sua vita sentimentale sia invece un disastro. 

Alessio e Giorgia, amici e colleghi, non la pensano allo stesso modo. Emma è troppo esigente e spinti da una sbornia colossale, la iscrivono al reality show "Chi vuol sposare un milionario?". La bravata non ha un biglietto di ritorno ma tra le mille candidature e dalla fama di Emma, quante possibilità di vincita possono esserci? Ovviamente, ci sono e come scopriremo subito, o partecipi o paghi una multa vertiginosa. 

Come fare per sistemare l'impiccio? In suo aiuto viene una donna molto rispettata, che inaspettatamente la convince a fare l'infiltrara per poter mandare all'aria un reality così grottesco. C'è solo un piccolo particolare. 

Per quanto il piano sia ben architettato, una volta iniziato il gioco, la carte in tavola cambiano quasi subito e quella che era nata come una spedizione punitiva per gli altri, diventa la sua. 

Emma sarà in grado di saper gestire la nuova se stessa? 

 

Avrebbe tutte le carte in tavola per essere un libro poco impegnativo e simpatico però Emma, asfalta ogni possibilità di evasione. 

Il suo essere femminista incallita, oltrepassa il buon senso e anche se con il passare del tempo, un pò si ammorbidisce, alla fin fine non sono riuscita a farmela piacere veramente. Il suo tratto distintivo è veramente troppo marcato e al posto di creare solidarietà, scatena rabbia. Non mi sono mai piaciuti gli eccessi, non sopporto chi vede solo bianco o nero. 

Marco e Leonardo, i due protagonisti maschili, ricoprono spesso i clichè degli uomini belli e ricchi ma con una Emma di torno, scatenano solo infinita compassione. 

La lettura sarebbe stata leggera e veloce, indubbiamente complici molti personaggi ben caratterizzati ma no, Emma non la tollero. Gna fo.

Ho sposato un maschilista di Joanne Bonny

Search

Latest News

Unisciti alla Newsletter

Don't worry we hate spam!

Red Kedi's World

BLG YOU FB INS TWT PIN

Search