Blog Article

Rating

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un libro deve essere un’ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi.
(Franz Kafka)

Oggi mi collego all'argomento iniziato da Autumn, sul suo blog (qui).

Dare o non dare una valutazione ad un libro? Serve? A qualcuno interessa? Bisogna decidere in base al proprio gusto? 

 

Anni fa, davo sempre una valutazione alle letture che facevo. Mi facilitava a mettere ordine nella testa e a fine mese, potevo valutare subito i miei preferiti e quelli da bocciare. Ammetto che mi veniva facile e spontaneo, probabilmente perchè ho l'abitudine di crare liste nella mia mente e quindi non mi ponevo il problema. 

Poi ho iniziato a far fatica a farmi bastare i voti pieni e mi sono trovata a dover pensare con i mezzi. Un 2 o un 3? Forse è meglio un 2.5 o un 3--, no? In questo caso si è aperto un buco nero, perchè le possibilità erano infinite ma le sentivo più mie, dato che avrei potuto esser più precisa, più pignola. Perchè non basta scrivere i propri pensieri, bisognava dare anche una valutazione immediata e di facile comprensione.

Alla fine sono arrivata alla deriva. Non riesco più a dare una vera valutazione e quando ne sono costretta, mi sento a disagio. Infatti ho abbadonato questo metodo lo scorso anno e qui, non troverete più stelle o simili. Perchè? 

Credo che la risposta sia abbastanza semplice. 

WinnerGraphic 1 900x756

Quando si inizia ad avere un blog/sito e quindi, a leggere con più costanza, il nostro bagaglio è spesso limitato.

Limitato nel senso che prima si spaziava poco di genere e di autori, perchè le possibilità economiche erano quelle che erano e l'informazione, pure. Entra anche in gioco il fattore che da quel momento, i nostri pensieri vengono messi neri su bianco e non rimangono solo una chiacchierata con qualcuno. Incominciano ad aver un certo peso. 

Trovo quindi normale iniziare a valutare in modo così semplice una lettura, perchè c'è poca esperienza e/o pochi riferimenti. I libri o sono belli o sono brutti, una storia può risultare originalissima o no, un tipo di scrittura può esser noiosa o avvincente. Bianco o Nero, Si o No. 

Andando avanti però, le cose cambiano perchè le storie incominciano ad assomigliarsi ,ma tutte creano reazioni differenti. Quindi un voto secco non si riesce più a dare, bisogna iniziare a diversificare e ad esser più fiscali, più precisi nella valutazione e la cosa diventa più lunga e macchinosa. 

La fine arriva quando non si riesce più ad esser sicuri del voto, perchè alcuni libri che di primo acchito trovavi meravigliosi, te li dimentichi in fretta mentre altri rivaluti nel tempo. Quindi un 5 è veramente tale? Un 2 rimarrà così per sempre? Valutare diventa difficile e la domanda topica è; ne vale la pena? 

Per me, la risposta è No. 

No perchè anche i critici migliori, non sempre la pensano come noi ed un libro tanto amato da loro, per noi può risultare noiosissimo. Affidandoci solo ad un voto, non possiamo esser sicuri di quello che poi troveremo tra le pagine ed è meglio una recensione scritta, che ci permette di valutare i pro ed i contro, che visiva dove non sappiamo nulla. 

Certo, se le nostre letture sono affini con alcuni amici, ci fidiamo anche del più banalissimo "compralo" però è un equilibrio precario, di cui non bisogna abusare. 

Quindi, meglio spendere cinque minuti per leggere un parere, piuttosto che tre secondi e fare un salto nel buio totale. (anche nel primo caso è un salto però, almeno un lumino l'abbiamo acceso)

Tags:

Search

Latest News

Unisciti alla Newsletter

Don't worry we hate spam!

Latest News

Red Kedi's World

BLG YOU FB INS TWT PIN

Search