La repubblica dei ladri. The Gentlemen Bastard

La repubblica dei ladri. The Gentlemen Bastard

La repubblica dei ladri. The Gentleman Bastard di Scott Lynch
  • Personaggi 75% 75%
  • Worldbuilding 70% 70%
  • Fluidità 65% 65%
  • Cover 80% 80%
  • E il finale 70% 70%

La repubblica dei ladri. The Gentlemen Bastard

Recensione: Siamo giunti a quella che per me sarebbe dovuta essere la fine.

Cercate di capirmi, quando ho iniziato a leggere questo libro ero assolutamente certa che stessimo parlando di una trilogia decisamente cicciosa. Anche perché, sono volumi corposi e l’idea di andare troppo oltre mi fa un pò paura.

Non sono una grande appassionata delle saghe eterne, solitamente mi annoio a nemmeno metà del percorso, come ad esempio La Casa della Notte, che ho mollato dopo l’ottavo libro e già ero arrivata più in là di quello che avrei voluto. Per la stessa solfa, anche il Trono di Spade non rientra nel mio cuore, anche se avrebbe tutti i requisiti per farsi amare.

Comunque sia, La repubblica dei ladri è stato il volume che meno mi ha colpito.

Locke e Jean rimangono i Bastardi del mio cuore, ormai sono una coppia rodata che ho imparato ad amare ma, questa volta facciamo la conoscenza effettiva di Sabetha.

Lei è l’amore indiscusso di Locke e si vedono le conseguenze. Su di lui.

Sappiamo che l’amore smuove mari e monti, così Scott Lynch mentre ci racconta una nuova avventura, decide che è arrivato il momento di entrare nel profondo del passato di questi personaggi.

I flashback sono forse la parte che ho più apprezzato, più per il fatto che ho trovato interessante saper qualcosa in più di come loro sono diventati a pieno titolo dei Bastardi. Interessante anche il presente, eppure a mio avviso manca qualcosa.

Mi capita spesso di parlarvi di libri di transizione, quelli che subiscono in peso dell’essere più che altro storie di passaggio.

Ero tanto contenta la volta scorsa di non esser incappata in un macigno noioso, che il fato mi ha voluto pungolare. Non è un brutto libro, anzi, solo che io mi annoio troppo velocemente.

Lo so, lo so.

Ci sono combattimenti, intrighi e amore, come posso dire di essermi annoiata?

Il problema è sempre lo stesso; il modo.

Una storia può aver tutti i twist del mondo ma se per qualche ragione, manca qualcosa, quel vuoto io lo sento fortissimo. Posso non capire esattamente dove sia la mancanza, però sento che c’è e qui, l’ho sentita.

Quello che più mi fa paura, è aver notizie reali per il prossimo, visto che non è ancora uscito in lingua anche se in teoria viene segnata una data già passata e capire come verrà gestita questa megastoria. Perché insomma, se sono veramente sette libri così grandi, io pretendo che poi ci sia la ricerca del sacro Grall.

Come minimo.

INFO

Autore: Scott Lynch
Pagine: 732
Prezzo: € 18
Uscita: 01/12/2020
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori

TRAMA

Doveva essere il colpo più clamoroso della loro carriera, invece si è rivelato un… clamoroso fiasco. Così Locke e il suo fedele compagno Jean sono riusciti a malapena a salvare la pelle. Almeno, Jean ci è riuscito: Locke sta morendo, avvelenato in modo lento ma inesorabile da una sostanza che nessun alchimista o dottore può combattere. Ma quando la fine sembra ormai vicina, una donna misteriosa offre a Locke un’opportunità che potrà salvarlo, o ucciderlo. Le elezioni del Konseil sono imminenti, e le diverse fazioni hanno bisogno di una pedina da muovere a loro piacimento. Se Locke acconsente a essere quella pedina, con un incantesimo la donna estrarrà il veleno dal suo corpo, anche se l’operazione sarà talmente dolorosa da fargli desiderare la morte. Locke non ci pensa proprio, ma due elementi lo inducono a cambiare idea. Primo, le suppliche di Jean. Secondo, un nome femminile pronunciato dalla maga: Sabetha, l’amore della sua vita, abile e arguta quanto lui, e ora la sua più grande rivale. Locke si è innamorato di Sabetha al primo sguardo, quando era un giovane orfano e apprendista ladro. Ma dopo un corteggiamento tumultuoso, Sabetha se n’è andata. Ora si ritrovano nuovamente uniti in uno scontro. Di fronte all’unica persona che sia in grado di tenergli testa – nel gioco dell’amore e in quello degli inganni – Locke deve scegliere se combattere Sabetha, o sedurla. Una decisione da cui potrebbero dipendere le vite di entrambi.

CavolQuest

CavolQuest

CavolQuest di Roberto Gerilli - Giacomo Bernini - Stefano Cappanari
  • Personaggi 55% 55%
  • Worldbuilding 70% 70%
  • Fluidità 55% 55%
  • Cover 50% 50%
  • E il finale 60% 60%

CavolQuest

Recensione: Per chi non fosse avvezzo alla categoria dei librogame, penso sia doveroso partire con un piccolo preambolo.

opera narrativa che invece di essere letta linearmente dall’inizio alla fine, offre al lettore la possibilità di partecipare attivamente alla storia, decidendo tra alcune possibili alternative, mediante l’uso di paragrafi o pagine numerate.

Questo vuol dire che mentre state leggendo il libro, arrivati davanti ad un bivio, a scegliere sarete voi e non il protagonista. In base alla direzione presa, possono esserci più percorsi diversi da scegliere e quindi, più finali.

La scelta però, non è limitata solo al dover scegliere se andare a destra oppure a sinistra.

In questa specifico caso, CavolQuest annuncia da subito che bisogna munirsi di dadi (oppure l’applicazione che li simula) e carta e penna, perché bisogna scegliere due qualità da assegnare al protagonista avventuriero che serviranno nel corso del tragitto.

Un pò macchinoso se si è alla prima esperienza ma è anche per questo motivo che queste letture vengono promosse solo in versione cartacea.

Non per me.

Come blogger, mi capita di ricevere delle letture da parte delle Case Editrici e la lettura di oggi, è stata gentilmente fornita da Plesio.

Leggere un librogame in digitale è, per ovvie ragioni, uno sclero.

Il foglio di carta, che normalmente sarebbe già allegato al libro, me lo sono presa io e va bene così però, un dispositivo per la lettura e il telefono in combo, non sono stati il massimo (il livello pro è stato leggerlo dall’applicazione sul telefono, quindi avevo tre pagine aperte che diciamocelo, sono il male assoluto). Ma queste cose sono bazzecole, se messe a confronto con la scomodità di cambiare posizione ogni volta che mi trovavo davanti ad un bivio. O peggio.

Il bello di questi “giochi”, è provare tutte le combinazioni e morire, penso che sia la cosa più facile in assoluto. Il nostro avventuriero, ad un certo punto si trova davanti ad una scelta difficile; evocare o no Cthulhu? Ovviamente, io l’ho fatto ed ero perfettamente conscia che sarei morta (l’ho fatto perché l’intero libro è scritto in modo molto da “presa per il culo” e quindi mi sono detta che le risposte ovvie potevano non esser effettivamente tali. Non mi sarei stupita se l’evocazione di Cthulhu mi avesse poi portato ad un twist interessante). Però.

PERO’.

Leggere in digitale significa che una volta raggiunta la morta, bisognerebbe tornare all’inizio e ripartire. Per ovviare al problema, bisogna appuntare la pagina/posizione di dove si è arrivati in modo da poterci tornare appena possibile. Su un cartaceo, piazzi semplicemente il dito lì e via.

Lamentele sulla praticità a parte, l’ho trovato una lettura divertente (a volte forse un pò troppo umoristica) che in situazioni normali, impegna poco tempo ma fa staccare molto la testa.

Prudenzio Guardiapolli (sì, è il nome del protagonista e no, non chiedetevi da dove sia nato) vuole esser guidato verso la fama. Con l’aiuto di un gruppo di personaggi improbabili e l’aiuto (proprio) di una spada magica, dovrà far vedere quanto è valoroso e che le sue umili origini non fanno di lui un fallito (ma ndo vai, con sto nome…). Il problema è che nessuno ci crede, nessuno si prende seriamente e quindi, l’epopea può solo andare peggio. Anche ergendosi a persone mature, nemmeno il nostro intervento riesce a portare un pò di serietà.

Che poi, è veramente necessario? Perché insomma, se nella tabella dei segnapunti, è stata aggiunta la voce del “barometro”… Facciamoci due domande.

Per me non è stata una lettura particolarmente agevole e quindi, non serbo un grande trasporto ma, non lo sconsiglio affatto.

INFO

Autore: Roberto Gerilli, Giacomo Bernini e Stefano Cappanari
Pagine: 304
Prezzo: € 13.50
Uscita: 04/11/2020
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Plesio Editore

TRAMA

Attenzione, questa è la tua avventura! Sarai artefice del tuo destino e dovrai vedertela con nemici decisi a farti la pelle. Emozionante, non trovi? Avrai a disposizione centinaia di strade, ma solo due finali ti permetteranno di raggiungere la gloria. Cosa? Troppo difficile? Avvicinati, ti svelo un segreto. Ma non dirlo a nessuno, intesi? Qui barare è lecito. Aspetti questo giorno da tutta la vita. Stai per partire per la tua prima avventura. Agi, ricchezze e titoli nobiliari ti aspettano alla fine del viaggio. Per raggiungerli devi solo scegliere la tua missione, assoldare la tua compagnia e salvare il regno di Solis da… be’ questo lo saprai quando sarà il momento. Non vorrai mica degli spoiler, giusto? Come dici? Pensi che questo sia un librogame fantasy come tanti? I soliti mostri, la solita quest, i soliti personaggi, le solite regole, la solita lunghissima e noiosissima scheda del personaggio? No, allora non hai capito. Questo non è un librogame fantasy! Questo è un librogame del cavolo!

Sorcery of thorns

Sorcery of thorns

  • Personaggi 80% 80%
  • Worldbuilding 80% 80%
  • Fluidità 85% 85%
  • Cover 80% 80%
  • E il finale 85% 85%

Sorcery of thorns

Recensione: Elisabeth Scrivener venne abbandonata davanti ad una delle Grandi Biblioteche di Austermeer, quando ancora era in fasce. Unica bambina in mezzo a tanti guardiani, cresce selvaggia tra i grimori che sussurrano nel suo orecchio.

Il suo destino sembra già esser tracciato; diventare una guardiana come la Direttrice che l’ha accolta.

Lei è determinata, niente potrebbe mettersi in mezzo al suo sogno. Nemmeno quando la accusano ingiustamente di omicidio e non credono alle sue parole.

Ferita nel fisico e nell’anima, scortata dal Magister Thorn di cui non si fida, dovrà affrontare l’interrogatorio che decreterà o meno la sua accusa. Se però non è stata lei, chi mai può aver deciso coscientemente di liberare un grimorio tenuto in catene e farlo diventare un mostro? Questo sabotatore, cercherà di mettere a tacere Elisabeth, prima che la interroghino?

Fermi tutti, questo si è appena aggiudicato il premio del miglior libro letto del 2021 (ma anche del 2020 mi sa). Lo so, siamo appena all’inizio ma non ho grandi dubbi in merito. Vi dico solo che ad un certo punto, durante un momento topico verso la fine del libro, quasi mi sono messa a piangere e stessa cosa è successa quando ho letto le ultime righe.

Assurdo, eh?

Elisabeth Scrivener è una protagonista insolita, perché crede che il mondo sia un posto buono, pur avendo avuto brutte esperienze. Il suo esser “eroina” comprende anche il sacrificio vero, che non consiste solo mettere la sua vita in mano a qualcosa in cui crede ma, donare parte della sua vita a qualcuno per salvarne un’altra. Quello che mi è piaciuto di lei, cosa effettivamente incredibile, è che durante il corso della storia ha un’evoluzione enorme senza però perdere quella scintilla pura che aveva all’inizio.

Sicuramente, il cambiamento viene messo in atto anche grazie a Nathaniel Thorn e al suo maggiordomo Silas.

Questa coppia, che è veramente molto particolare, porterà Elisabeth a rivedere molte delle sue idee. Primo fra tutti, il fatto che i maghi sia tutti dei mostri bevitori di sangue di vergini.

Protagonista maschile e spalla, rubano quasi completamente il podio a Elisabeth ma in un modo o nell’altro sono tutti necessari a rendere questa storia incredibile.

Mi è piaciuto il modo in cui si formano i tre legami e come questi permettano a tutti di capire qualcosa di profondo. Amicizia e amore, sono due componenti veramente molto forti ma anche il sacrificio per l’amore di qualcuno, sono potenti.

C’è il rischio che possa spoilerare qualcosa, però non voglio.

Dal mio punto di vista, lo spoiler non è una cosa negativa perché la bravura dell’autore risiede nel modo in cui coinvolge il lettore però, in questo caso potrei rovinare qualcosa.

Il mio personaggio preferito rimane sempre e solo Silas, pur avendo apprezzato anche gli altri.

Il maggiordomo è un essere complicato e qualche volta anche un pò difficile, eppure è riuscito ad entrare nel mio cuore pur non parlando moltissimo. Quello che contano sono i fatti e anche se li fa passare per qualcosa di calcolato e privi di sentimento, non convince né noi e nemmeno Elisabeth.

Ci sono solo due punti che mi hanno lasciato perplessa e/o fatto storcere il naso.

Nella battaglia finale, i tre combattono soli anche se il luogo, dovrebbe esser pieno di guardiani (che durante l’apprendistato vengono addestrati all’uso della spada, dovendo difendere i grimori). Solo nell’epilogo viene vagamente detto dov’erano gli altri ma comunque, non è stata una cosa che mi ha soddisfatto.

Una cosa che invece mi ha fatto storcere il naso, è il fatto che ad un certo punto Elisabeth scocchi una frecciatina sull’essere donna in quel mondo, senza però poi calcare un pò su questo aspetto. Non è una cosa che devo per forza trovare in ogni libro dove c’è una donna come protagonista, però avendo tirato fuori l’argomento, che almeno venga approfondito un pò di più.

INFO

Autore: Margaret Rogerson
Pagine: 444
Prezzo: € 22
Uscita: 19/01/2021
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori

TRAMA

Trovatella allevata in una delle Grandi Biblioteche di Austermeer, è cresciuta in mezzo agli strumenti della stregoneria: grimori magici che sussurrano e sferragliano catene. Se provocati, si trasformano in mostri inquietanti di cuoio e di inchiostro. Ciò cui Elisabeth ambisce è diventare una guardiana, incaricata di proteggere il regno dalle minacce della magia. Il suo disperato tentativo di impedire l’atto di sabotaggio che libera il grimorio più pericoloso della biblioteca finisce per ritorcersi contro di lei: ritenuta coinvolta nel crimine, viene condotta nella capitale, in attesa di interrogatorio. L’unica persona su cui può fare affidamento è il suo nemico di sempre, il Magister Nathaniel Thorn, con il suo misterioso servitore; ma tutto sembra intrappolarla in una congiura secolare, che potrebbe radere al suolo non solo le Grandi Biblioteche, ma anche il mondo intero. A mano a mano che la sua alleanza con Nathaniel si rafforza, Elisabeth inizia a mettere in discussione tutto quello che le hanno insegnato sui maghi, sulle biblioteche che ama così tanto, e soprattutto su se stessa. Perché Elisabeth ha un potere che non avrebbe mai sospettato, e un destino che non avrebbe mai potuto immaginare.

Sorcery of thorns di Margaret Rogerson_Elisabeth Scrivener e Nathaniel Thorn
Sorcery of thorns di Margaret Rogerson_Silas
Piranesi

Piranesi

Piranesi di Susanna Clarke
  • Personaggi 80% 80%
  • Worldbuilding 90% 90%
  • Fluidità 75% 75%
  • Cover 70% 70%
  • E il finale 70% 70%

Piranesi

Recensione: Febbraio inizia bene, anche se in modo decisamente insolito.

Piranesi e l’Altro sono gli unici esseri viventi nella Casa. Questo luogo, è composto da immensi saloni e mille finestre, una quantità incalcolabile di statue e nuvole, pioggia e sole, mare e animali. La Casa sembra vivere quasi di vita propria, con leggi completamente sconosciute all’uomo ma a cosa importa tutto questo, se ci sono solo due persone e tredici Morti?

Parlare di questo libro, senza fare degli spoiler, mi risulta impossibile.

Impossibile perché è estremamente contorto e parte delle mie perplessità, arrivano verso metà libro quando Piranesi incontro per la prima e ultima volta il Profeta. Chi è costui? Eh, mica ve lo posso dire.

Quindi mi tocca trattenermi, fino a che non vedrete la parola spoiler in grade. E rossa.

Da quel momento in poi, io non mi assumo più responsabilità.

Vi avverto però che ci sarà anche una fine e da quel momento in poi, una piccola nota personale sulle statue.

Piranesi è un ragazzo di circa trent’anni, che vive in questo immenso palazzo composto da mille stanze. Il numero vero è ignoto, data la vastità del luogo. Non gli è ignoto però come sopravvivere degnamente lì dentro, infatti con molto impegno e costanza ha trovato il modo per nutrirsi e nel proteggersi durante le maree. Sì, le maree.

La casa ha moltissime finestre che la rendono luminosa ma al suo interno, possono esserci nuvole o la pioggia ma anche vento e allagamenti dettati dalle mareggiate. Fuori il cielo, dentro un mondo. Il ragazzo sembra aver maturato anche un legame con gli animali che vivono lì, nutrendosi il giusto e portando rispetto per tutto il resto.

Oltre a lui, ci sono tredici scheletri, presumibilmente dei vecchi abitanti del posto. C’è però una seconda persona viva; l’Altro. L’uomo, molto più grande di Piranesi, sembra essere completamente assorbito dalla ricerca della suprema intelligenza che a suo dire, donerebbe grandi poteri. Sarebbe inoltre un loro dovere morale ritrovarla, dato che gli antichi la usavano ma nel tempo fu andata persa. Bisognava tramandarla alle future generazioni.

A scombinare il loro equilibrio, fatto di ricerca e meticolosità, subentra una “sedicesima” persona, che sembrerebbe aver il potere di far impazzire chi lo ascolta e secondo l’Altro, Piranesi sarebbe in pericolo dato che pur essendo molto intelligente, ha una mente non priva di amnesia e fragilità. Ma sedici sembra esser scaltro e riesce ad installare nel ragazzo dei dubbi che lo porteranno a riprendere in mano l’indice dei suoi vecchi Diari, e scoprire così che in passato sembra esser stato vittima di forte follia. Perché solo un folle scriverebbe di un immaginario mondo affollato di persone al di fuori della Casa. No?

Scienza e misticismo si fondono in un’unica realtà, trovando la giusta collocazione per ogni cosa, come se tutto facesse parte di un grande piano.

Ma è così, solo per chi sa aprire la propria mente.

Come dicevo, non è una situazione semplice. Piranesi è un libro che viene considerato Fantasy e Horror, ma secondo me è anche un Thriller antropologico (?) perché tratta anche temi dell’evoluzione umana e sociologica. Insomma, non è un libro che tratta solo la branca della magia con tinte cupe. Piranesi è molto di più.

Rimanendo quindi sul generico, se piacciono i temi che ho appena citato, allora è il libro che fa per voi. Un pò strano all’inizio ma decisamente interessante.

SPOILER

Quindi.

Oltre ai personaggi sopra citati, ci sono i tredici Morti. Piranesi trova le loro ossa un pò sparse per il Labirinto (si, l’ho chiamata Casa fino ad ora ma anche Labirinto è un nome azzeccato dati i livelli e la complessità dei percorsi che si possono intraprendere. Diciamo che il filo rosso di Arianna in questo caso sarebbe una delle poche soluzioni adeguate per non perdersi) e per un senso di protezione e reverenza, decide di prendersi cura di loro. Li va a trovare e porta delle offerte, in modo da non farli sentir soli. Questo aspetto ha il potere di far tenerezza, ma anche di farmi accapponare la pelle. Tra di loro c’è anche “l’infante ripiegato” che Piranesi immagina possa essere una bambina e per un certo periodo (ma ora che ci penso, non ne parlerà più e quindi potrebbe esserne ancora convinto) crede che la Casa l’avesse originariamente destinata a diventar poi sua moglie. Ho trovato il dettaglio vagamente morboso anche se non tocchiamo mai l’argomento della sessualità.

Quello che più mi ha fatto impazzire in tutta questa storia, è la mancanza di dubbi che ha Piranesi.

L’Altro, che già puzzava di bestia di satana al primo sguardo, ha dei comportamenti a dir poco sospetti che però vengono accettati come cose assolutamente normali. Questo mi ha fatto pensare che ci fosse di sottofondo la paura di rimaner solo ma visto e considerando che al mondo c’erano solo loro, come fa a conoscere il concetto di solitudine? Tra l’altro, perché la casa offriva ad uno solo la pesca come sostentamento e all’alto, cibo più elaborato? Come poteva non domandarsi come mai l’Altro avesse sempre dei vestiti fatti su misura mentre lui, aveva sempre le stesse cose? Tra tutte però, la peggior domanda per me è stata “COME FAI A SAPER SCRIVERE E LEGGERE, SE L’ALTRO NON TE L’HA MAI INSEGNATO”? Credo che questo dubbio sarebbe stato il primo a venirmi in mente. Da un lato sono domande stupide, perché quando scopriamo che Piranesi anni prima venne rapito, una parte di lui si addormentò come auto difesa ma trovo assolutamente incredibile che sia cambiato dall’oggi al domani.

L’unico dettaglio negativo di questo libro, sono le domande a cui non so dare risposta.

Perché l’Altro ha portato lì Piranesi? Solo per usarlo come cavia durante la ricerca?

Chi sono veramente i Morti che vengono trovati?

Come fa ad esserci lì un bambino? Che sia figlio di uno dei Morti?

Perché il Profeta, che ha dato inizio a tutto quanto, una volta trovato il passaggio tra i due mondi non ha semplicemente smesso di fare ricerche e sfruttare gli studenti che gli credevano? L’uomo che ha rinchiuso, aveva lo scopo di fare delle ricerche come poi ha fatto Piranesi? Anche lui era alla spasmodica ricerca della massima sapienza?

Perché Piranesi ha una veloce connessione con il suo vecchio mondo? A che pro?

Quelle meravigliose statue? Da dove arrivano?

A Proposito di statue, adesso la smetto di spoilerare e vi parlo un momento di loro.

FINE SPOILER

Un aspetto estremamente predominante del libro, è la quantità di statue presenti in ogni salone e quindi in tutto il labirinto.

Piranesi, in un moto di professionalità scientifica, decide di catalogarle tutte in modo da poter lasciare ai posteri in dono il suo sapere. Lo affascinano talmente tanto che ricorda la collocazione di quasi tutte e grazie a loro, in alcuni momenti riesce a “vivere meglio”. Trova conforto in loro.

Quello che mi ha affascinato, è il misticismo che le avvolge.

Chi le ha portate lì? Chi le crea? Esiste un architetto? Lo stesso che ha creato il Labirinto? Oppure si formano in modo autonomo?

Da sempre, le statue hanno esercitato fascino a chi le guardava. L’immobilità di un momento, fermato per l’eternità nel marmo. Sono portatori di fascino ma anche di sapienza, essendo loro delle riproduzioni di qualcosa di assolutamente fantastico. La bellezza di una donna che cura con amore delle api, la magnificenza di un elefante, la tranquillità di un fauno ma anche l’intimità di due re che giocano a scacchi. Persone di scienza mentre studiano, artisti mentre compongono o l’amore incondizionato di una madre verso i figli.

Nel Labirinto rimarranno impressi per l’eternità degli attimi perfetti.

La soluzione che ho trovato più poetica, la dice lo stesso Piranesi quando incontra il Profeta. Quelle statue vengono formate dal sapere delle persone, come i tunnel che forma l’acqua nel terreno quando piove. Non è una certezza, ma un’idea che sposo più che volentieri.

INFO

Autore: Susanna Clarke
Pagine: 300
Prezzo: € 15.67
Uscita: 04/02/2021
Genere: Fantasy; Horror
Casa Editrice: Fazi

TRAMA

Piranesi vive nella Casa. Forse da sempre. Giorno dopo giorno ne esplora gli infiniti saloni, mentre nei suoi diari tiene traccia di tutte le meraviglie e i misteri che questo mondo labirintico custodisce. I corridoi abbandonati conducono in un vestibolo dopo l’altro, dove sono esposte migliaia di bellissime statue di marmo. Imponenti scalinate in rovina portano invece ai piani dove è troppo rischioso addentrarsi: fitte coltri di nubi nascondono allo sguardo il livello superiore, mentre delle maree imprevedibili che risalgono da chissà quali abissi sommergono i saloni inferiori.
Ogni martedì e venerdì Piranesi si incontra con l’Altro per raccontargli le sue ultime scoperte. Quest’uomo enigmatico è l’unica persona con cui parla, perché i pochi che sono stati nella Casa prima di lui sono ora soltanto scheletri che si confondono tra il marmo.
Improvvisamente appaiono dei messaggi misteriosi: qualcuno è arrivato nella Casa e sta cercando di mettersi in contatto proprio con Piranesi. Di chi si tratta? Lo studioso spera in un nuovo amico, mentre per l’Altro è solo una terribile minaccia. Piranesi legge e rilegge i suoi diari ma i ricordi non combaciano, il tempo sembra scorrere per conto proprio e l’Altro gli confonde solo le idee con le sue risposte sfuggenti. Piranesi adora la Casa, è la sua divinità protettrice e l’unica realtà di cui ha memoria. È disposto a tutto per proteggerla, ma il mondo che credeva di conoscere nasconde ancoratroppi segreti e sta diventando, suo malgrado, pericoloso.

Bastardi Galantuomini. I pirati dell’oceano rosso

Bastardi Galantuomini. I pirati dell’oceano rosso

Bastardi Galantuomini. I pirati dell oceano rosso di Scott Lynch
  • Personaggi 80% 80%
  • Worldbuilding 80% 80%
  • Fluidità 60% 60%
  • Cover 80% 80%
  • E il finale 70% 70%

Bastardi Galantuomini. I pirati dell’oceano rosso

Recensione: Siamo arrivati a metà della storia e com’è giusto che sia, mi sono trovata tra le mani un volume che solitamente considero “di passaggio”.

Nelle Trilogie o nelle saghe, i libri di mezzo sono spesso usati come intermedi per spiegare o preparare il lettore alla fine. Se sul primo è tutta una scoperta e si può passar sopra ad una serie di buchi di trama, con il seguito c’è una muta convinzione di trovare pagine e pagine un po noiose ma necessarie.

Con settecento pagine quindi, mi sarei dovuta stupire? No.

I pirati dell’oceano rosso si è indubbiamente rilevato più interessante del previsto ma comunque, più sottotono rispetto al precedente.

A salvare la situazione, ci sono Locke Lamora e Jean Tennan. Un duo  di galantuomini che pur essendo pirati dediti alle scorribande, sono sempre mossi da dei valori morali veramente forti che è impossibile non apprezzare.

Certo, al momento prettamente mossi dalla vendetta, ma questo è un piccolo dettaglio.

Lynch, pur avendo cambiato scenario, riesce a stimolare la curiosità nel lettore anche se il suo esser prolisso, questa volta ha avuto ancora meno fascino su di me. Sono assolutamente convinta che tutto sia indispensabile alla storia per creare il climax idoneo, però anche meno. Cammor era una Venezia cupa e stupenda, necessitava di un’adeguata descrizione anche solo per farci capire in che modo erano cresciuti i vari personaggi ma torre di Peccapicco a mio avviso poteva essere gestita in modo molto più leggero. Parliamo di una casa del gioco estremamente complicata e pericolosa, ammetto di essermi persa più di quello che avrei voluto e pur rileggendo certi passaggi, dei dettagli li ho persi per sempre. Capisco che però sia un difetto mio.

Come per Gli inganni di Locke Lamora, i personaggi hanno carattere da vendere e alla ribalta troviamo un Jean che non subisce il peso dell’essere un personaggio secondario. La sua forza e irriverenza in questa nuova avventura si fanno sentire più che mai, senza però esser “troppo” e di troppo a Locke. Anche la comparsa delle donne mi ha conquistato, soprattutto perché non ricoprono in tutto e per tutto il clichè delle fanciulle diafane da salvare ogni due secondi. Anzi.

Adesso ci manca solo l’ultimo passo. Temo non sarà una cosa facile da gestire.

Per me, non sicuramente per Lynch.

INFO

Autore: Scott Lynch
Pagine: 811
Prezzo: € 18
Uscita: 01/12/2020
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori

TRAMA

Dopo un violento combattimento con la malavita che li ha quasi uccisi, Locke e il suo fedele compare Jean fuggono dalla città in cui sono nati e approdano agli esotici lidi di Tal Verrar per curarsi le ferite. Ma neppure all’estremità occidentale del mondo civilizzato possono riposare, e presto tornano a dedicarsi a ciò che sanno fare meglio: rubare ai ricchi e intascare il ricavato.

Questa volta il loro obiettivo è oltremodo ambizioso: la torre di Peccapicco, la casa da gioco più esclusiva e più sorvegliata che ci sia. I suoi nove piani attirano una clientela facoltosa, e per giungere fino alla cima servono buon credito, comportamenti bizzarri… e un gioco semplicemente impeccabile. Perché c’è una sola regola importante che Requin, lo spietato padrone di Peccapicco, fa rispettare rigorosamente: chi bara avrà la morte.

Per nulla intimoriti, Locke e Jean hanno elaborato una strategia che comprende bugie, trucchi e inganni per tutti e nove i piani… su su fino al favoloso caveau di Requin. Sotto mentite spoglie, compiono la loro meticolosa ascesa verso un obiettivo ormai vicinissimo…

Ma qualcuno a Tal Verrar ha scoperto il loro segreto. Qualcuno giunto dal passato, che ha tutte le intenzioni di far pagare ai due sfacciati malviventi i crimini commessi. Ora avranno veramente bisogno di ogni grammo di astuzia per salvare le loro anime prezzolate. E potrebbe non bastare…

Bastardi Galantuomini. I pirati dell'oceano rosso di Scott Lynch_Disegno di Locke Lamora
La stirpe della gru. Descendant of the Crane

La stirpe della gru. Descendant of the Crane

  • Personaggi 57% 57%
  • Worldbuilding 72% 72%
  • Fluidità 60% 60%
  • Cover 85% 85%
  • E il finale 60% 60%

La stirpe della gru. Descendant of the Crane

Recensione: Lo scorso anno, più o meno ad inizio pandemia, avevo intravisto l’annuncio dell’uscita di questo libro. Il titolo mi aveva incuriosito molto, dato che non era ancora stato sdoganata l’ambientazione orientale nel fantasy. Certo, nel cuore di molti c’è Mulan e forse qualche altra storia simile ma per i “ciofani”, non c’è poi molto tra cui scegliere.

Come immagino abbiate già vissuto per altri titoli durante il 2020, La stirpe della gru ha subito una serie di spostamenti. Alla fine però, siamo riusciti ad arrivare ad una data definitiva! Peccato che l’autrice abbia già comunicato l’intenzione di non proseguire con le pubblicazioni.
Sentite l’eco delle madonne? I problemi possono capitare e posso addirittura capire che se le vendite non vanno bene però, non lo trovo nemmeno giusto verso i lettori. Insomma, noi siamo qui ad iniziare una storia, magari ci appassioniamo e poi nulla, tutto viene fermato.
Per quanto per me non sia stata una lettura top, spero che Joan He cambi idea. Oppure, che cambi editore.

La storia della principessa Hesina di Yan, futura erede al trono, non inizia nel migliore dei modi; il padre viene ucciso ma lei non crede che la cosa sia avvenuta in modo naturale. Così, con l’aiuto dei due fratelli adottivi, avvia un’indagine per scoprire la verità.

L’ambientazione ha sicuramente dei tratti conosciuti, come il vestiario ed i clichè, questo è un pò una cosa a suo sfavore ma, non ci sono molti dettagli. Se da un lato apprezzo il modo di scrivere spoglio da fronzoli, dall’altro trovo sia penalizzante usarlo su quasi tutto. A mio avviso, sembra trasmettere l’idea del “dò per scontato che tu già lo sappia, quindi non spreco tempo per scriverlo”.
L’impatto minimal, suona antipatico anche per la caratterizzazione dei personaggi. Sembrano tutti molto pudici nel raccontarsi al lettore, come se avessero timore di svelare qualche dettaglio inopportuno. Veniamo a conoscenza dello stretto necessario durante l’avanzamento della storia, mentre il resto bisogna arrivarci interpretando i fatti. Sperando comunque di aver inteso bene. Ammetto che questo non è il mio pane per quanto riguarda i fantasy, sinceramente è più da thriller e lì lo apprezzo molto perché in quel contesto risulta molto più inclusivo (in sostanza, ti immedesimi meglio nella storia, vivendo un pò la parte dell’investigatore).

Il dettaglio che non mi fa bocciare il libro, anche se non lo guarisce del tutto dai suoi difetti, è il tema della sincerità.
Conosciamo tutti le “bugie bianche”, quelle mezze verità e mezze bugie dette a fin di bene, che ci permettono di non ferire la persona a cui le diciamo e che allo stesso tempo non intaccano i nostri sensi di colpa. Ecco, la ricerca della sincerità e dell’uso delle bugie in questa storia sono praticamente il fulcro di tutto, e ho apprezzato tantissimo il fatto che vengano messi un pò in discussione gli Undici, coloro che una volta spodestato il Re tiranno crearono i Precetti. Non tutto è buono, come non tutto è cattivo. Piton insegna.

In linea generale, devo dire che la cosa più bella di tutta questa storia, è la copertina.

La lettura è stata relativamente godibile e le mancanze si sono fatte sentire, anche se come dicevo, qualche punto positivo esiste. Io vi consiglierei comunque la lettura, pur essendo una trilogia già ferma, perché trovo che sia comunque utile come prova per chi ancora non ha letto nulla a tema orientale. Poi ehi, magari scoprite che invece a voi piace tantissimo e Joan He si deciderà nel proseguire.
I miracoli qualche volta accadono.

If you want to understand a person, peer at his heart through the window of his prejudices and assumptions.

INFO

Autore: Joan He
Pagine: 456
Prezzo: € 22
Uscita: 19/01/2021
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori

TRAMA

La principessa Hesina di Yan ha sempre desiderato sfuggire alle responsabilità della corona, per vivere nell’anonimato. Ma quando il suo amato padre muore, viene gettata nell’arena dei giochi di potere e diventa all’improvviso sovrana di un regno incredibilmente instabile. Per di più, Hesina è convinta che il re sia stato ucciso, e che l’omicida sia qualcuno che le è molto vicino. La corte è piena di ipocriti e delatori che non vedono l’ora di approfittare della morte del monarca per accrescere la propria influenza: ciascuno di loro potrebbe essere l’assassino. I suoi consiglieri vorrebbero che Hesina accusasse il regno confinante di Kendi’a, il cui governante ha già radunato le truppe per la guerra. Determinata invece a trovare il vero colpevole e con qualche dubbio sulla fedeltà della sua stessa famiglia, Hesina compie un gesto disperato: si rivolge a un’indovina, il Giaggiolo argenteo. Un atto di tradimento, punibile con la morte, poiché la magia nel regno di Yan è da secoli vietata dalla legge. Seguendo le parole della veggente, Hesina chiede aiuto ad Akira, un delinquente patentato dalla mente brillante e acuta, un detenuto che nasconde più di un segreto. Il futuro del regno di Yan è in pericolo: riuscirà Hesina ad avere giustizia per suo padre? O il prezzo da pagare sarà troppo alto?

La stirpe della gru di Joan He_Gru che volano