Le streghe in eterno. The Once and Future Witches

Le streghe in eterno di Alix E. Harrow
  • Personaggi 80% 80%
  • Worldbuilding 65% 65%
  • Fluidità 65% 65%
  • Cover 60% 60%
  • E il finale 70% 70%

Le streghe in eterno. The Once and Future Witches

Recensione: Sinceramente, non so nemmeno da dove cominciare.

Trovo sempre estremamente difficile trovare la prima parola, quella più adatta ad introdurre il discorso. Dalle prime righe, un lettore decide subito se il suo tempo può “sprecarlo” qui, oppure da un’altra parte.

Le parole sono importanti, lo sanno bene le sorelle Eastwood.

Le streghe in eterno è un libro fantasy, con tantissimi rimandi alla storia realmente accaduta.

Le epurazioni delle streghe, la condizione della donna ed i suoi diritti, le Suffragette, la schiavitù, la castità contro le relazioni fuori dal matrimonio o ancora peggio, tra persone dello steso sesso. Molti temi sono ancora pericolosamente attuali mentre altri, seppur non recenti, scorrono ancora sotto la nostra pelle.

Le tre sorelle, per motivi differenti, si separano l’una dall’altra ma un richiamo comune, le unirà nuovamente. Dopo sette anni di lontananza, una potente magia sembra volerle riunire e una nera visione sembra incombere su di loro, ma nessuna sa bene cosa stia succedendo.

Quale profezia deve avverarsi?

Piccola nota.

Sono quel tipo di persona che va in ferie a fine agosto, quando più o meno tutti stanno tornando a casa perchè non amo la folla (anche prima della pandemia), e spesso non leggo molto (cosa ancora più importante, non leggo le cose che mi porto via). Quindi, ad inizio settembre, ho preso in mano l’agenda degli eventi e ho iniziato un libro. Lunedì mattina però ho scoperto di aver sbagliato un paio di date, e che avrei dovuto leggere questo libro alla velocità della luce, perchè la recensione andava fatta per oggi e non per settimana prosima. Beh, ci sono riuscita.

Il libro è estremamente scorrevole anche se non piccolo.

Probabilmente, il suo punto forza sta nel fatto che sia così attuale e anche il concetto di “strega”, ovvero colei che usa poteri mistici per fare le cose molto utili, si incastra bene nella vita di tutti i giorni. Uno dei tanti messaggi del libro, sta nel fatto che queste donne (un tempo anche gli uomini) siano capaci di allacciare un legame profondo con la madre terra e sì, qualcuno usa la bacchetta per creare una fonte di luce però, si usano anche tante erbe e rimedi ormai persi nel tempo e formule magiche sottoforma di filastrocche.

La storia è profonda, avvolgente e dura.

Per me però, ad un certo punto è diventata troppo pesante. Se inizialmente mi facevo prendere dalla foga delle donne, dopo un pò è stato difficile proseguire perchè anche se parla di cose giuste, non posso nascondere che mi si sia formato un macigno troppo pesante sul petto.

Bello, però anche meno.

INFO

Autore: Alix E. Harrow
Pagine: 576
Prezzo: € 24
Uscita: 07/09/2021
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori

TRAMA

Nel 1893 non esistono streghe. Un tempo sì, c’erano, negli oscuri giorni selvaggi prima che iniziassero i roghi, ma adesso la stregoneria è solo una questione di graziosi incantesimi e filastrocche e vecchi racconti per bambini. Se le donne vogliono avere una qualsivoglia forma di potere, devono cercarla nell’urna elettorale. Ma quando le sorelle Eastwood – James Juniper, Agnes Amaranth e Beatrice Belladonna – entrano nell’Associazione per le Donne di New Salem, iniziano a chiedersi se, recuperando antiche parole dimenticate, non sia possibile trasformare quello delle suffragette da un movimento di donne a un movimento di streghe. Inseguite da ombre e morbi, perseguitate da forze che vogliono impedire a una strega di votare – e forse persino di vivere –, le sorelle dovranno immergersi nell’antica magia, tessere nuove alleanze e recuperare il legame che le unisce. Perché le streghe non esistono, ma esisteranno. “Le streghe in eterno” è un racconto potente che parla di sfide, sorellanza, e del diritto di voto.

Le streghe in eterno di Alix E. Harrow_Sorelle
The Ten Thousand Doors of January

The Ten Thousand Doors of January

the-ten-thousand-doors-of-january-le-diecimila-porte-di-january
  • Personaggi 70% 70%
  • Worldbuilding 83% 83%
  • Fluidità 73% 73%
  • Cover 80% 80%
  • E il finale 70% 70%

The Ten Thousand Doors of January

Recensione:  January è una bambina che non sa bene chi essere. Diversa dalla borghesia ma nemmeno uguale alla classe del popolo, figlia amata ma abbandonata, sognatrice ma giudiziosa.

Vive in un perenne stato di domande, a cavallo tra se stessa e ciò che la circonda. Fino al giorno in cui trova un libricino consumato, e (ri)scopre le “diecimila porte”. Solo a quel punto, capirà che al mondo c’è molto di più.

Avevo un pò di timore per questa storia, perchè quando tutti ne parlano bene, ho sempre la sensazione che poi in reatà sia un fuoco di paglia.

Caso editoriale?

Miglior libro del 2020?

No, non è così. Però, ha un suo certo fascino che va oltre alla difficoltà della lettura o alla simpatia dei personaggi.

La protagonista, che racconta la sua vita in prima persona, è quel tipo di anima che vorrebbe trovare il SUO posto nel mondo e non, come succede per un certo periodo, esser ciò che gli altri credono sia meglio per lei. Le convenzioni sociali, le regole di buon costume, aspettative nate per ripagare un debito non suo… La magia delle porte però, ha il potere di collegare qualsiasi mondo e così, anche anime affini.

Ovviamente, per ogni cosa buona, ci sono almeno due grane in vista.

Qualcuno vuole il controllo di tutto, vuole i tesori più pregiati ed esotici e quindi, di chi realmente fidarsi? January dovrà fare i conti con tante cose, e apprendere nozioni man mano che le cose succedono. Però forse, non sarà sola.

A stampo principalmente adolescenziale, questa storia racconta di mille storie e rende i libri, degli oggetti assolutamente magici (non che per noi lettori voraci, sia una novità). Dettaglio non da trascurare, visto e considerando il target di riferimento. Gli incentivi a verder un libro come un oggetto magico e non un macigno noioso, sono sempre ben accetti.

Attenzione però, inizialmente non è molto scorrevole. Solo dopo la metà del libro si scopre definitivamente la sua bellezza ma su di me, ha comunque guastato il piacere della lettura (e poi, pariamo comunque di uno storico e per quanto non sia “fedele alla realtà”, ho trovato questi dettagli un pò noiosi. problema mio).

INFO

Autore: Alix E. Harrow
Pagine: 5396
Prezzo: € 20
Uscita: 13/10/2020
Genere: Fantasy
Casa Editrice: Mondadori

TRAMA

Estate 1901. Un’antica dimora nel Vermont, piena di cose preziose e sorprendenti. La più peculiare è forse January Scaller, che vive nella casa sotto la tutela del facoltoso signor Locke. Peculiare e atipica, almeno, è come si sente lei: al pari dei vari manufatti che decorano la magione è infatti ben custodita, ampiamente ignorata, e soprattutto fuori posto. Suo padre lavora per Locke, va in giro per il mondo a raccogliere oggetti “di un valore singolare e unico”, e per lunghi mesi la ragazzina rimane nella villa ridondante di reperti e stranezze, facendo impazzire le bambinaie e, soprattutto, rifugiandosi nelle storie. È così che, a sette anni, January trova una porta. Anzi, una Porta, attraverso cui si accede a mondi incantati che profumano di sabbia, di antico e di avventura… Sciocchezze da bambini. Fantasie assurde, le dicono gli adulti. E January si impegna con tutta se stessa per rinunciare a quei sogni di mari d’argento e città tinte di bianco. Per diventare grande, insomma. Fino al giorno in cui, ormai adolescente, non trova uno strano libriccino rilegato in pelle, con gli angoli consumati e il titolo stampigliato in oro semiconsunto: Le diecim por. Un libro che ha l’aroma di cannella e carbone, catacombe e terra argillosa. E che porta il conforto di storie meravigliose nel momento in cui January viene a sapere che il padre è disperso da mesi. Probabilmente morto. Così la ragazza si tuffa in quella lettura che riaccende il turbine di sogni irrealizzabili. Ma lo sono davvero? Forse basta avere il coraggio di inseguirli, quei sogni, per farli diventare realtà. Perché pagina dopo pagina January si accorge che la vicenda narrata sembra essere indissolubilmente legata a lei… 

the-ten-thousand-doors-of-january-le-diecimila-porte-di-january