Alessandro Noseda

Alessandro Noseda

Alessandro Noseda

NOTE BIOGRAFICHE

Nato a Como più o meno mezzo secolo fa, ma poi la vita l’ha portato in lungo ed in largo per “lo Stivale” facendogli conoscere persone, luoghi e storie che popolano i suoi racconti.
Ha cominciato a leggere e scrivere a sei anni (in prima elementare, come tutti) e da allora non ha più smesso (come molti). Ama la sua famiglia con l’onnipresente Pinscher, la lettura, la vela, la montagna, i viaggi e – soprattutto – frequentare i pochi buoni veri amici di sempre.

LIBRI PUBBLICATI

  • La trilogia di Luca Mariani di Alessandro Noseda
  • Lo stilista di Alessandro Noseda (qui)
  • Nient’altro che la verità di Alessandro Noseda
  • Luca Mariani di Alessandro Noseda
  • Salvatore Caruso di Alessandro Noseda
  • Giulia Martini di Alessandro Noseda

Delicato è l’equilibrio [ANTEPRIMA]

Delicato è l’equilibrio [ANTEPRIMA]

Delicato è l'equilibrio di Alice Chimera
  • Personaggi 75% 75%
  • Worldbuilding 85% 85%
  • Fluidità 80% 80%
  • Cover 75% 75%
  • E il finale 90% 90%

Delicato è l’equilibrio [ANTEPRIMA]

Recensione:  Questo libro racconta una storia difficile e complessa. 

Nina è la lucubrante Massima di Pisa e come tale, deve prendere grosse decisioni per far sì che tutti facciano quello che serve per mantenere l’Equilibrio. Il fatto è che lei è una persona spezzata dalla vita e anche dall’Equilibrio che dovrebbe servire. Vuole lasciare tutto, vorrebbe andare in pensione ma deve scovare un’apprendista che possa plasmare a suo piacimento e così, trova Laura. 

Laura è una lucubrante, ma non sa realmente cosa significhi esserlo. Per anni ha saputo di esser diversa da molti altri, ma la madre le ha sempre imposto di nascondersi e di non fare domande. L’incontro con Nina e subito l’entrata a gamba tesa in questo nuovo mondo, potrebbe portale a galla vecchi ricordi che preferirebbe dimenticare, ma qualcosa la spinge a prendere in mano la propria vita e a lottare per trovare se stesa.

Due donne diverse e allo stesso tempo, molto simili. 

Con loro, ci sono anche Diego e Maurizio, due futuri guardiani del bene e del male che dovrebbero interagire poco con loro, praticamente solo per lavoro, ma che per una cosa o per l’altra, si scontreranno spesso. 

Saranno capaci di sopravvivere all’Equilibrio, senza soccombere?

Dal mio punto di vista, ci vorrebbe un secondo libro per una storia così titanica. 

Il mondo dei lucubranti non è il focus della storia, ma essendo un mondo parallelo al nostro, sarebbe stato molto più appagante aver molti più dati dilazionati nel tempo, e non lunghi spiegoni solo per quelle cose che servivano alla storia. 

Non rimaniamo ignoranti, pian piano ci vengono forniti i dati che ci permettono di capire lo svolgimento del dramma, però ho ancora troppe domande a cui trovare una risposta e sapendo che tendenzialmente non ci sarà un seguito, mi toccherà molestare Alice per qualche mese. 

Ho invece poco da dire sulla caratterizzazione dei personaggi.

Come al solito, delle due protagoniste non me ne sta una simpatica e per quanto riguarda le due spalle, solo Maurizio rimane fedele al suo personaggio ed è una cosa molto apprezzabile. In generale, li avrei presi a schiaffi più o mano tutto il tempo, perchè anche se sono credibili, questo non me li ha resi più digeribili. 

Diego rimarrà un codardo per tutta la vita, incapace di affrontare veramente quello che è il suo destino; Nina rimane quella con cui non riesco ad entrare in enpatia, perchè conoscolo solo parte del suo dolore; Laura è la ragazzina smidollata che gioca a fare la grande; Maurizio è l’unico che alla fine ha pienamente accettato il suo ruolo. 

Pisa invece è quasi la padrona della storia, andando oltre al ruolo di mero “palcoscenico”. 

Si presta bene per il mix di esoterismo e routine umana, senza però diventare troppo invadente.

Nel complesso, ho letto questo libro in tre giorni e ne sono rimasta sorpresa. Auguro ad Alice tutta la fortuna che si merita, dato il lavoro per questa storia che potrebbe rad veramente molto.

INFO

Autore: Alice Chimera
Pagine: 362
Prezzo: € 16.90
Uscita: 21/10/2019
Genere: Fantasy
Casa Editrice: La Ponga

TRAMA

L’Equilibrio è la legge, il meccanismo che fa funzionare la realtà, grazie a un complesso sistema di pesi e contrappesi le cui regole sono scritte nell’essenza stessa delle cose. Ma l’Equilibrio è delicato, e basta poco a comprometterlo. Nina lo sa, perché è una lucubrante, una persona molto speciale, come ce ne sono poche al mondo, incaricata di preservarlo a ogni costo, facendo in modo che il conto dei vivi e dei morti continui a tornare, mentre aiuta le anime dei trapassati ad accettare il loro destino. Nina però è stanca, e cerca qualcuno che prenda il suo posto. Questa persona è Laura, una giovane lucubrante a malapena consapevole della sua natura, e del tutto ignara delle minacce che si profilano sul suo cammino.

Mystery Book Box – Alice Chimera

Mystery Book Box – Alice Chimera

Mystery Book Box – Alice Chimera

Le Mysteri Box sono il sogno più o meno proibito di molte persone, ma quelle sui libri invece sono solo per pochi. In italia abbiamo decisamente poco mercato e quelle americane, sono abbastanza proibitive per chi come me, non parla inglese.

Facciamo però un passo indietro e vediamo che box sono.

Già dal nome, dovrebbe esser facile capire di cosa stiamo parlando.

Le Box sono delle scatole che contengono oggetti misteriosi che cambiano in base al costo e alla categoria. Quelle dedicate ai libri, tendenzialmente contengono un libro in anteprima e vari gadget che richiamano la storia o il genere trattato (spesso entrambi).

Come dicevo sopra, in america è una cosa che va tantissimo, ma per farle arrivare qui da noi è un pò un salasso e quindi, molti devono far due conti e capire se ne valga veramente la pena o meno.

Lo scorso anno, complice il fatto che in ballo ci fossero molti cambiamenti, mi sono lasciata tentare dalla meravigliosa Box dedicata ad una nuova uscita di Pierce Brown (qui). Il costo vertiginoso si aggirava sui 90€ (box e spedizione) e lo so che era un’edizione limitata, ma l’ho fatto solo perchè lui lo adoro e soprattutto, volvo provare anche io una gioia!

Bellina, nulla da dire, se non per il fatto che non leggendo in inglese, alla fin fine ci faccio ben poco dei libri al suo interno. Così ho raddrizzato il tiro e mi sono messa a cercare qualcosa in italia, facendo però molta fatica.

Da noi, si possono trovare sicuramente delle box piene di gadget, ma nessuna con dentro un libro in anteprima. L’unica variante che avevo trovaro, era quella di BookX (qui) che sfortunatamente ad oggi non è più attiva. Quindi, si ritorna al punto di partenza. O quelle costose, o quelle non “complete”.

Quando Alice mi ha parlato della sua iniziativa, ero estremamente felice. Finalmente una box interessante!

Sono stata presente per quasi tutta la realizzazione, rendendomi finalmente conto che far qualcosa di interessante e per giunta, ad un prezzo contenuto, è abbastanza difficile e per abbattere i costi bisogna sempre guardare anche al futuro.

Di questo progetto, ad oggi sicuramente cambierei molte cose e affinerei altre, però ne sono felice e credo che possa essere una mossa vincente per far della pubblicità alternativa. Ovvio che non è una cosa attuabile per ogni libro, ma se pensata nel modo corretto e fatto uscire il Muciaccia che c’è in noi, quasi tutto è possibile.

In questo caso, l’oggetto che più mi è piaciuto è la ouija (mi piace vincere facile), ma anche il fazzoletto di Maurizio che fa tanto retrò e la cioccolata bianca (che è tra le mie preferite). Ho apprezzato molto anche lo spartito, che con il qr code permette di trovare subito la melodia che Alice ha voluto condividere con noi.

L’oggetto che ho meno apprezzato è il nastro da ginnasta, più che altro perchè dopo qualche minuto mi si è staccato dal gancino e quindi, mi ha dato l’idea di esser troppo fragile per esser usato per gioco.

In generale la Box era ben piena (troppo) e ci ha permesso di conoscere un pò meglio i quattro personaggi del libro.

Lo stilista

Lo stilista

Lo stilista di Alessandro Noseda
  • Personaggi 40% 40%
  • Worldbuilding 50% 50%
  • Fluidità 45% 45%
  • Cover 45% 45%
  • E il finale 40% 40%

Lo stilista

Recensione: Lo stilista avrebbe potuto dare molto perché l’idea c’era.

Laura Bassi è una donna forte e tutta d’un pezzo ma anche molto delicata. Scappata da una relazione finita male, si trasferisce a Torino e da subito, la vediamo alle prese con un caso delicato e sfortunatamente, molto veloce. Lo Stilista è una persona intelligente e con grandi conoscenze in campo medico e questo gli permette di esser sempre un passo avanti rispetto a tutti. Un camaleonte votato alla causa della bellezza, infatti il suo scopo è quello di trasformare delle donne scialbe in bambole.
Laura però, con l’aiuto di un ex professore, riuscirà a delineare un piano d’azione che porterà Lo Stilista ad uscire dal suo guscio ma sarà il gesto disperato di una delle sue vittime a dare la svolta decisiva al caso.

Al momento, questa è la prima lettura bocciata del 2018.
So che ogni lettura è un rischio ma la delusione oggi è cocente.

Come dicevo sopra, la base della storia era interessante anche se magari, non particolarmente innovativa. Lo scontro tra Lo Stilista e Laura Bassi poteva essere la scintilla giusta per catturare l’attenzione del lettore ma alla fine, la storia fa acqua da tutte le parti.
Ci sono molti salti temporali che mi hanno lasciata perplessa, soprattutto se devo considerare che ci sono anche passaggi puramente inutili alla storia. (“Laura scappa da una relazione finita in modo difficile e ok dare delle informazioni sul come e cosa ma, entrare nel dettaglio non serve a capire chi sia il colpevole e nemmeno ad empatizzare con lei. Anzi, questo mi porta a sviluppare una certa antipatia nell’immediato futuro perché poi sembra esser troppo facile”)
Oscilliamo tra momenti dinamici e momenti meh, dove prima leggiamo di una cena romantica finita nel modo più classico e dopo toh, un arresto talmente tanto umiliante che se fossi stata il colpevole, mi sarei quasi suicidata per la vergogna.
Quello che però ho mal digerito è il modo cacofonico con cui Noseda racconta tutto.
“L’anatomo patologo”
mannequin
commodus discessus
“E quando facevano l’amore, lentamente, doucement
“La capitano”
Ora, non sarò una persona brillante e particolarmente intelligente ma non voglio nemmeno esser costretta a girare con un dizionario per poter capire di che cosa stiamo parlando.
Sono tutte cose corrette, anche se non ci scommetterei su “L’anatomo patologo” (santo Wikipedia, mi comunica che andrebbe scritto tutto unito), ma non di uso comune e se vogliamo sorvolare su “mannequin” che comunque vuol dire manichino e che quindi è pertinente alla storia, non vedo perché qualcuno debba per forza usare parole in altre lingue.

INFO

Autore: Alessandro Noseda
Pagine: 117
Prezzo: € 13
Uscita: 9/10/2015
Genere: Giallo; Thriller
Casa Editrice: La Ponga

TRAMA

All’ombra della Mole, Torino trema. Lo Stilista è là fuori, a caccia di giovani donne in sovrappeso da rimodellare a costo della vita, al fine di trasformarle in manichini umani per le sue fantasie malate. Là fuori, tuttavia, c’è anche Laura Bassi, capitano dell’Arma dei Carabinieri, una donna ferita ma mai doma, determinata a fermare lo stilista una volta per tutte cercando, nel frattempo, di rimettere insieme i pezzi della propria vita privata.

Cromo

Cromo

Cromo di Andrea Biscaro
  • Personaggi 65% 65%
  • Worldbuilding 70% 70%
  • Fluidità 65% 65%
  • Cover 40% 40%
  • E il finale 65% 65%

Cromo

Recensione: Quel sottile confine tra realtà e follia.
Cromo è una lettura particolare che ti destabilizza.
Come dico spesso, mi faccio catturare molto dalle belle copertine e tendo ad evitare quelle che invece, considero brutte. Mi rendo conto che parto prevenuta ma faccio veramente fatica a portarmi in borsa qualcosa che… mi mette a disagio.
Quando ho deciso di leggere questo libro, non ho visto la copertina e ad oggi, devo dire che è stata una saggia mossa!

Antonio Brando è uno scrittore che non scrive più.
Dopo il suo ultimo successo, subisce un’incidente quasi mortale che lo risparmia ma lo cambia in modo invisibile.
Per molto tempo, gode della grande fama che si è costruito ma all’improvviso, gli viene “offerta” la possibilità di lanciarsi in un nuovo lavoro letterario.
Antonio è molto titubante, non ha mai scritto fatti di cronaca e sa che ci sarà pur un motivo se nessuno ha mai raccontato qualcosa sulla fabbrica Stoppani. Però, i suoi brividi gli consigliano di provarci, di scavare in profondità perchè qualcosa puzza e la verità deve farsi valere.
Allora parte per Cogoleto e si ferma a dormire da una vecchia amica (ed ex fiamma) che casualmente abita lì vicino.
Da subito si scontra con il mutismo dei paesani, persone che non vogliono ricordare il vecchio scandalo o che non vogliono rivelare ciò che sanno. Se proprio devono dire qualcosa, affermano che l’ex fabbrica è infestata da spiriti maligni ma nulla di più.
Antonio non ci crede ma non sa come fare.
L’incontro con un vecchio del posto però, porta alla luce possibili verità che sono difficili da digerire.
Verità o illusione?

Cromo, per quanto piccolo, racchiude una storia a metà tra l’accusa verso una mafia tanto attuale e l’incubo del silenzio forzato.

INFO

Autore: Andrea Biscaro
Pagine: 93
Prezzo: € 12
Uscita: 6/05/2016
Genere: Suspance; Horror
Casa Editrice: La Ponga

TRAMA

Stoppani è il nome con cui è conosciuto il cuore di Cogoleto. Un cuore di metallo che pompa veleno. Le acque e i terreni del paese ligure, infatti, sono inquinati, impregnati di cromo esavalente, anche dopo che il suo cuore ha smesso di battere. Oppure no? La Stoppani, la fabbrica chimica che ha dato lavoro alla gente di Cogoleto per decenni, ha chiuso per sempre, ma sul sito dove sorgeva lo stabilimento qualcosa si muove ancora. Il forno settanta, anima dannata di quel cuore pulsante e velenoso, brucia ancora. Ma com’è possibile se al suo posto ci sono solo macerie? Toccherà ad Antonio Brando scoprire cosa succede, in una delle sue indagini più sinistre.